Carinaro. Whirlpool, a casa 180 lavoratori. Ugl: “Troppe domande e nessuna risposta!”

Oggi 18 Gennaio 2017 la UGLM di Caserta, rappresentata dal componente di Segreteria della UGL Antonio Mastellone, ha incontrato il Lavoratori della Whirlpool in presidio fuori allo stabilimento di Carinaro (CE).

“Troppe domande e nessuna risposta!” ha commentato il sindacalista “Ed è per questo che oggi siamo qui: per capire cosa stia accadendo agli oltre 100 lavoratori che ancora non hanno ripreso le attività lavorative, a dispetto degli accordi in essere e della normativa vigente, restando fermi in cassa integrazione ad ore zero”.

Grande soddisfazione per la riuscita del presidio viene espressa dal Segretario UGLM Caserta, Ciro Tarotto, che prosegue commentando: “La sindacalizzazione dello stabilimento da parte della UGLM ci permette finalmente di bussare alla porta della direzione aziendale per capirne di più. Il lavoro fatto al MISE dopo mesi di duro lavoro e le scelte, comportanti forte sacrificio, condivise dai Lavoratori avevano lo scopo di mantenere inalterati tutti i livelli occupazionali riportando a lavoro, seppur con il ricorso a piani di rotazione, l’intero organico. Oggi non è così! E’ per questo che la Segreteria di Caserta si è attivata con una richiesta d’incontro urgente dalla quale ci aspettiamo una convocazione in tempi brevi. Diversamente non escludiamo di organizzare nuove manifestazioni poichè oggi per noi il rientro dei Lavoratori in un ciclo di rotazione ha la priorità”.

“Anche la Confederazione della UGL Caserta è vicina ai lavoratori della Whirlpool” conclude il Segretario Generale della UGL Caserta “in quanto nessuno si può permettere di restare a guardare mentre vengono disattesi gli accordi Ministeriali, ed è per questo che la UGL darà pieno appoggio a tutte le iniziative che la UGLM metterà in campo con e per i Lavoratori di Carinaro.”

Rispondi