Intervista a Claudio Coluzzi a cura di Ilaria Motti

Il giornalista de Il Mattino Claudio Coluzzi, autore del libro “Benvenute in Paradiso“ è stato intervistato dalla nostra Ilaria Motti.

Il libro con il rigore e la passione tipica del cronista di nera descrive e analizza i fenomeni criminali come la tratta degli esseri umani, il contrabbando, le estorsioni, la truffa alle assicurazioni, le razzie nelle chiese, la compravendita di abiti usati con il raggiro della Caritas, lo sfruttamento dei minori per l’accattonaggio, la truffa degli aiuti alimentari destinati ai poveri ecc.

Protagoniste del libro sono Jana e Sonia, due ragazze albanesi. Le giovani lasciano il loro paese e raggiungono l’Italia attraversando l’Adriatico in gommone. Tutte e due finiscono in mano a connazionali senza scrupoli che le costringono alla prostituzione.

La prima, Jana resta incinta. E’ costretta a vendere il figlio in Germania. Sconvolta da questo evento denuncia e fa arrestare i suoi aguzzini.

La seconda, Sonia, invece viene uccisa in una stradina di campagna della provincia di Caserta, terra del clan dei casalesi, ma anche della mafia albanese e africana che con il clan dei casalesi hanno un patto di ferro.

Al termine della storia Jana e Sonia tornano in Albania. La prima senza il figlio che è stata costretta a vendere in Germania, la seconda in una bara di legno.

Rispondi