Aversa Welcome People 2017 – Al Parco Pozzi lo stand di Radio Aversa è stato preso d’assalto dai visitatori

Enorme successo per lo stand di Radio Aversa, media partner della manifestazione Aversa Welcome People che si sta tenendo al Parco Pozzi e che terminerà domani (salvo ulteriori proroghe).

Nelle prime due serate, infatti, il nostro “presidio” è stato letteralmente preso d’assalto da centinaia e centinaia di curiosi: uomini e donne di ogni età, aversani e non, che hanno chiesto informazioni, si sono compiaciuti del fatto che Aversa, grazie alla nascita della nostra emittente, fosse ritornata ad essere una città come tutte le altre in materia di comunicazione radiofonica.

Grande anche la soddisfazione per i componenti dello staff di Radio Aversa presenti nel Parco per l’occasione: Giacomo Zapparrata, Alessia D’Angelo e Alessandro Caputo.

I nostri “valorosi” rappresentanti (visto il caldo di questi giorni) stanno distribuendo gratuitamente a tutti i visitatori(e continueranno a farlo fino al termine della manifestazione) migliaia di poster, cartoline e stampe varie della nostra città.

Presenti anche il sottoscritto Giuseppe Cristiano, Direttore di Radio Aversa, nonché direttore della testata giornalistica Stampa Nazionale,  e la collega giornalista/conduttrice Ilaria Motti.

La colonna sonora della manifestazione che, peraltro, sta riscuotendo un notevole successo, è stata curata e sarà curata fino al termine della kermesse dagli esperti musicali dell’emittente.

Aversa Welcome People è stata un’occasione che tutto lo staff (dirigenza, giornalisti, speaker, tecnici, registi ecc.) non si è fatta sfuggire per avvicinare ancora di più i radioascoltatori aversani alla propria radio.

Un ringraziamento va a Giampaolo Russo, patron della manifestazione (e speaker di Radio Aversa) e a tutti quanti hanno contribuito alla riuscita dell’evento.

Una nota a margine che, trattandosi di Aversa, non può mancare: critiche ingiuste, polemiche sterili, giudizi affrettati e “affettati”, commenti rilasciati da persone “interessate” a “spartire la torta” e che, invece, sono state lasciate a bocca asciutta, non sono mancate.

Sui social network e sui vari organi di stampa (anche di quelli che si spacciano per Corriere della sera e hanno la stessa credibilità del Corriere di Pinocchio) si è scatenato il putiferio, a dimostrazione che ad Aversa è tutto più difficile: dal creare una radio a organizzare una manifestazione.

Il maledetto problema di una parte della cittadinanza è quello di sbaniare* a tutti i costi (*termine ultra dialettale che significa aprire la bocca e dare fiato ad ogni tipo di sciocchezza, discutendo di qualsiasi tipo di argomento, anche quello di cui si ignora il 99,999% dei retroscena).

“Fare” o “non fare” per qualcuno non importa. L’importante è criticare. E, visto che siamo anche noi cittadini di questa città, cogliamo l’occasione per criticare anche noi: ai super criticoni diciamo chi è più capace si faccia avanti.

Non vediamo l’ora di guardare una televisione aversana dello stesso livello qualitativo della BBC o di una radio degna dei migliori network internazionali.

Non dormiamo la notte in attesa che qualcuno organizzi qualcosa di simile al Festival di Sanremo o a un concerto tipo quelli in Central Park a New York… Per non parlare, poi, della settimana della moda a Milano o del Gran Premio di formula 1 a Silverstone…

Insomma, ironia a parte, qualche aversano non si vuole convincere che siamo una piccola città di neanche 60.000 abitanti e che nonostante questo e nonostante la presenza di un gran numero di “prefiche” che sanno solo strapparsi vesti e capelli davanti a quelli che vorrebbero fossero dei defunti, abbiamo raggiunto, grazie a quelli che provano a realizzare qualcosa, una quantità di obiettivi pari a quelli colti da città dieci volte più grandi di noi.

Chiudiamo, quindi, con un consiglio spassionato: parlate solo se sapete di non dire caz…. e fate, fate, fate…

Giuseppe Cristiano – Direttore di Radio Aversa

da sx a dx: Ottavio Lucarelli, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Alessandro Caputo, Alessia D’Angelo, Maria Elena Fabi madrina della manifestazione, Giacomo Zapparrata.

Gino Ferrandino e, sotto, le foto di alcuni vicini di stand…

Il Sindaco De Cristofaro intervistato da Maria Elena Fabi con accanto il patron della manifestazione Giampaolo Russo.

Rispondi